Kami

La missione dell’energia

“Il 3 gennaio 1985 sono arrivato a Kami con il fiato corto dei 4000 metri…più mi addentravo nella miseria delle loro case più apprezzavo l’accoglienza calda e ospitale di queste comunità…Nacquero vari progetti: la scuola, strade, la formazione dei giovani, poi arrivò Coopi  un’organizzazione non governativa italiana di cooperazione internazionale, un giovane geologo “diede” concretezza all’intuizione di ricostruire una vecchia centrale idroelettrica  e di fare di questa il motore dello sviluppo locale.” Il progetto fu sostenuto da alcuni volontari esperti di linee elettriche della società Terna con sede a Roma,  che aiutarono nel tempo a realizzare l’impresa. Padre Serafino Chiesa, Parroquia San Josè Obrero.

“Cosi’ padre Serafino  ha deciso di costruire una centrale  e una linea elettrica  di 37 chilometri in un posto impossibile. Nella regione di Kami chi non sta in miniera fa il mestiere di sempre: il campesino. Un lavoro per rubare alla roccia e alla terra brulla qualche fazzoletto di campo e piantarci quello che occorre per vivere. Quando tutto funzionerà per Kami la miniera non sarà più l’unica scelta possibile. E allora qualcosa cambierà…”

Roberto Cotroneo. Giornalista, scrittore,docente.

Excerpts from essays of the Book “Kami. la missione dell’energia”Silvana Editoriale 2010.